D'AURIO, CERRATE E LE STRADE DELLA RIFORMA.

Itinerari e guide del Salento, che vi illustreranno quali sono le principali meravigli salentine e che vi guideranno all'interno dei segreti e della storia del Salento. Troverete inoltre la cartina del salento, la cartina stradale e le mappe delle piste ciclabile presenti nella provincia di Lecce.
Preventivo online
Destinazione


Date soggiorno


Numero di persone



ITINERARI CILOTURISTICI - D'AURIO, CERRATE E LE STRADE DELLA RIFORMA

COMUNI TERRITORIALMENTE INTERESSATI:Lecce, Surbo, Squinzano, Trepuzzi
PERCORSO: Km 56
DIFFICOLTA': Minima

L'itinerario parte dal Borgo San Nicola, alla periferia settentrionale di Lecce, seguendo la comunale che conduce alla Masseria Ghiermi e, prima di arrivarci, lungo una parte del tracciato, possiamo visitare la Chiesa di S. Oronzo fuori le Mura, con la colonna intitolata al Santo, martire e protettore della città di Lecce (XVIII secolo).
Procedendo in direzione nord, e superata la S.P. n. 94 Surbo-Le Moline, incontriamo la Chiesa di Santa Maria d'Aurio, appartenente al periodo romanico, e costruita nell' XI secolo.
Di fronte la Chiesa, una bellissima torre colombaia si erge comoda nell'erba dei campi.
Rientrando nel territorio di Surbo, si procede ancora verso Nord, fino a raggiungere la Masseria Li Manzi, per poi ridiscendere in direzione di Surbo, sino ad immettersi sulla S.P. n. 93 Surbo-Torre Rinalda: tutt'intorno distese di ulivi, e masserie ormai abbandonate, riempiono, con semplicità, l'ambiente circostante.
Percorso un breve tratto della Provinciale, circa 500 mt., imbocchiamo sulla sinistra, all'altezza della Masseria Frascusa, la strada comunale che conduce alle Masserie San Lasi e Melcarne, situate all'interno della campagna, circondata da uliveti secolari, dove immense chiome, e tronchi nodosi, e pagghiare, sono a testimoniare della storia del Salento.
La Masseria Melcarne è bellissima, un complesso masserizio che si articola intorno ad un'imponente torre di difesa, eretta nel XVI secolo, accuratamente ristrutturata, mentre, tutti gli ambienti rurali, risalgono al XVII secolo.
I proprietari hanno sapientemente ristrutturato la torre, con la sua merlettatura particolare, gli interni e tutti gli ambienti della masseria, per destinarli ad una ristorazione tradizionale, e ad una futura attività agrituristica.
Dalla Masseria Melcarne, rientriamo sul percorso, che dirigendosi ancora in direzione nord, ci conduce alle spalle del complesso della Chiesa di S. Maria di Cerrate, che merita di essere visitata.
Ubicata in piena campagna, a pochi chilometri dei centri urbani di Squinzano e Trepuzzi, la Chiesa rappresenta una delle più importanti testimonianze dell'architettura romanica in Puglia.
All'interno, un'elegante facciata con un raffinato portale di ingresso, e un chiostro barocco riccamente decorato.
Interessanti gli affreschi che arricchiscono le arcate interne della Chiesa, e della cappella che ospita l'altare.
Accanto alla Chiesa possiamo visitare il Museo delle Tradizioni Popolari, all'interno del quale, troviamo perfettamente conservate le macine, gli attrezzi, gli utensili usati dai contadini, per le loro attività artigiane.
Attraversando la S.P. Squinzano-Cerrate-Torre Rinalda, ci portiamo su un sentiero minore, che conduce alla Masseria Alcalini, e imboccando, sulla sinistra, la S.P. n. 236 Surbo-Casalabate, in direzione Carretti-Grande, percorriamo un breve tratto, per poi deviare a destra, e dirigerci verso il paese di Torchiarolo, confinante con l'agro di Brindisi.
Svoltando a sinistra, per la Masseria Carritelli, immersa in un oliveto, ci immettiamo sulla S.P. n. 5 Squinzano-Torchiarolo, scavalcando la Superstrada Lecce-Brindisi.
Il percorso prosegue verso Squinzano, pedalando sino alla Cappella dei Perlangeli, per deviare a destra, fino a raggiungere la S.P. n. 97, che da Squinzano conduce a S.Pietro Vernotico, in corrispondenza della Masseria Andria.
Percorrendo la strada, entriamo nel Comune di Squinzano, un paese ricco di Chiese e monumenti religiosi, come la Chiesa e Convento di S. Maria delle Grazie, costruita nel XVI-XVII secolo; la Chiesa dell'Annunziata, attigua al cimitero, che risale al XVII secolo, la Cappella della Madonna dei Martiri, del XVIII secolo, con la scena dell'adorazione del Cristo crocifisso.
Squinzano rappresenta un importante centro vinicolo del Salento: nel centro urbano, sono ubicati numerosi stabilimenti vinicoli di grandi dimensioni, già proprietà di produttori vinicoli del Nord-Italia, oggi dismessi ed in parte visitabili.
A questo punto l'itinerario presenta due possibili alternative.
Percorso 2/A : LA CAMPAGNA AD EST DI SQUINZANO
Percorrendo la S.P. n. 95, in direzione del Comune di Cellino S. Marco, nell'area di Brindisi, incontriamo il casino Li Capapi, ormai diroccato, interessando l'area dell'antico Casale di Bagnara e costeggiando l'omonima masseria (18), per toccare, infine, l'antica Grancia Basiliana della Madonna dell'Alto, dove è possibile visitare i percorsi sotterranei, e la Vecchia Abbazia.
Qui è prevista la realizzazione di un'area attrezzata per la sosta.
Percorso 2/B : DA SQUINZANO A TREPUZZI
Attraversato il paese di Squinzano, da Nord verso Sud, superiamo la circonvallazione a sud-est della città, percorrendo la viabilità minore diretta verso la vicina Trepuzzi, toccando la contrada S. Vito, e immettendoci, superata Casa Petito, sulla Comunale che per Villa Martiri e Giardino Maramonte confluisce nella S.S. 16, alle porte del paese. Interessante, nel centro storico di Trepuzzi, la visita alla Chiesa di Maria SS. Assunta e di S. Giuseppe, entrambe appartenenti al XVII secolo; alle Cappelle di Santa Croce (XVII secolo) e della Madonna dei Martiri (XVIII secolo); alla Colonna della Madonna Assunta, al Palazzo baronale (XVII secolo) e al Palazzo Spinelli-Barrile, conosciuto anche come il Castello Nuovo, del 1700; alle numerose case a corte ubicate nel centro storico, come la Corte Longa, e altre.
A questo punto, il percorso riprende in senso inverso, fino a ritornare all'Abbazia di Cerrate, per proseguire lungo la viabilità minore, in direzione di Torre Rinalda, e svoltando sulla destra, al bivio successivo, giungiamo alla Masseria Monacelli, caratterizzata da un impianto a corte, dov'è insediata una bellissima torre, una cappella ed un frantoio sotterraneo, il cui ingresso si può scorgere di fronte la torre.
Tutt'intorno prati, fiori di campo, muretti a secco e pale di fichi d'india, una natura incontaminata all'ombra di ulivi dai tronchi ritorti dai secoli.
Poco distante, incontriamo la Masseria fortificata Gianpaolo, costruita nel XIV secolo, un edificio a due piani, con la sua torre colombaia e il frantoio sotterraneo.
Procedendo nel percorso, in direzione sud-est, sulla nostra destra, riusciamo a scorgere, in lontananza, la Masseria Li Coccioli (XVI secolo), e individuando il sentiero d'accesso, lo spettacolo, a questo punto, è esaltante.
La masseria, inserita all'interno di uliveti e prati verdissimi, si presenta con la sua imponente torre colombaia, l'edificio e la cappella, illuminati dai colori di un tramonto tipicamente salentino.
Superando la S.P. n. 93 Surbo-Torre Rinalda, giungiamo al bosco di Rauccio, con l'omonima masseria turrita a due piani.
Tornando in direzione di Surbo, si incontrano altri complessi masserizi: Fasani, Barrera e, successivamente, la Masseria Mendole e Schiavi.
Rientrando, quindi, sul percorso di andata, in corrispondenza della Masseria Manzi, terminiamo il nostro interessante itinerario.
 
ELENCO ITINERARI CICLOTURISTICI
 

Fonte Provincia di Lecce
Assessorato Promozione Attività Turistiche


Salentu.com ® è un marchio registrato - © 2001-2020 Tutti i diritti riservati • Partita IVA 03302380757
Direzione tecnica Nova Promotur sas TOUR OPERATOR e AGENZIA VIAGGI - Nr. REA LE-215079
Aut. Reg. n° 98 del 11.05.2005 - Dir. Tecnico: Gallo Antonella
Salentu.com
Progettazione e realizzazione: Focustek