Testo canto popolare Lu Scarparu

Viaggio nella storia della Grecia Salentina e del Griko - testi e canzoni in griko dei piu' famosi e antichi canti popolari e filastrocche tipiche della Tarnta Salentina.
Preventivo online
Destinazione


Date soggiorno


Numero di persone



Canto popolare Lu Scarparu

Bambineddhu all'annu giustu.
Lu Scarparu
Coremma
Tenia na finestrella
Maldicenze paesane
Ci te lu disse
Ninna Nanna
Maldicenze in griko
Aremu rindineddha

Lu Scarparu

Luna d'argentu quante cose viti quandu la notte sula sula stai, de tanti nnamurti senti li cridi e de li cori ngannti lemanti e guai. Dilli a sta tiranna brutta senza core quantu bene lu Palla li ula, se ne parli nu picca de l'amore ca am piettu brusciare se sent. E m p nnu scarparu cu collu e bastuncnu lu cngia senza scrupuli lu poveru Pallinu. Ci lu vidi comu chiantddha ssittatu alla cancddha, prima sputa e poi la mpizza ma lu spacu tuttu rrizz. Lu core sou comu na funtna ca mina forte forte ogni momentu, ma ogni criatura stia luntana ca cu l'acqua iddha dispensa lu tradimentu: Fre frisca, beddha comu na rosa, ma largu sia ci ncucchia quarchdunu, quiddhu ca la pra nu riposa cull'acqua n'ha ngnnatu chiui de unu. Ci lu vidi comu chiantddha ssittatu alla cancddha, prima sputa e poi la mpizza ma lu spacu tuttu rrizz. lu ceddhu ca t'amau cchii nu torna beddha mia, de la caggia te scappu, mo te vide e cangia via. Tuttu lu mele duce me musciasti tuttu lu focu d'amore, li giuramenti, comu lu jntu all'aria li minasti, na rra lu jrnu ca te ne pnti; se de la caggia lu facsti ure lu ceddhu ca te lia tantu bbne te ne binchi beddha mi te spittre ca lu ceddhu n'autra fta chiui nu vene. E m pe nu scarparu cu collu e bastuncinu lu cangia senza scrupuli lu poveru Pallinu, cu cpacita la mamma nci pensa la cummare, iddha tantu prtica e sape comu ha fare. Ieu de ceddhi ne zzccu quanti nnju, tegnu la rete ca ngnna ogni cre, intra la rete mia cntu ne mbri, li dau vilenu a postu de l'amore; se unu lu cnuscu prestu lu cangiu cu n'autru cchu frisca ca me canta ntrnu, le promesse de iddhu me le mangiu e cull'autru poi lu fazzu senza scornu. Li ricali ca t'ha nnutti tocca te li dicu tutti; na sja spizzutta e nu sandalu scascitu, na scarpa schintiddhata, nu zzcculu spaccatu, quattru zeppe e tre puntini, cinque nchetti cu nu lazzu.

 
Presentazione
La storia
I servizi
La natura
Paesaggio rurale
La cucina
La musica
Canti in griko
Gallery
Ricettività
 
 

Salentu.com ® è un marchio registrato - © 2001-2019 Tutti i diritti riservati • Partita IVA 04277210755
Direzione tecnica Nova Promotur sas TOUR OPERATOR e AGENZIA VIAGGI - Nr. REA LE-215079
Aut. Reg. n° 98 del 11.05.2005 - Dir. Tecnico: Gallo Antonella
Salentu.com
Progettazione e realizzazione: Focustek