Le tradizioni del salento - Le filastrocche gli indovinelli, i proverbi, gli stornelli e i canti popolari
Preventivo online
Destinazione


Date soggiorno


Numero di persone



FILASTROCCHE POPOLARI SALENTINI


FILASTROCCA TRADUZIONE
Titolo: Arri, arri, cavallucciu
Arri, arri, cavallucciu, sciamu a Lecce llu pap, ne ccattamu nu bellu ciucciu Arri, arri, cavallucciu, corri, corri, cavalluccio, andiamo a Lecce da pap ci compriamo un bell'asinello corri, corri, cavalluccio
   
Titolo: Ci la mamma lu sapa
Ci la mamma lu sapa, tutta a niuru se minta, ca lu vagnone sta suffra, p llu dente ca nasca. se la mamma lo sapesse, si vestirebbe tutta di nero, per il bambino che soffriva, per il dente che spuntava
   
Titolo: Quannu canta
Quannu canta la cicala, fuci, fuci, alla culummara, quannu canta lu cicalune, fuci, fuci, allu cippune, quando canta la cicala, corri, corri nel ficheto, quando canta il cicalone corri, corri nel vigneto
   
Titolo: Lu sonnu
Lu sonnu, beddhru meu, era vintu, truvu la porta chiusa, e se n' scitu. Il sonno, bimbo mio, era venuto, trov la porta chiusa e se n' andato
   
Titolo: Neddhra
A neddhra, neddhra, neddhra, a mamma brutta, a fija beddhra; nedda, nedda, nedda, la mamma brutta la figlia bella
   
Titolo: Ninna nanna (1)
Oi ninna nanna o nanna ca nu vne, quale signra intra a camera te tne, Oi ninna nanna o nanna ca nu vnne, quale signra intra a camera te tnne, o ninna nanna, o sonno che non viene, quale signora nella sua camera lo tiene, o ninna nanna, o sonno che non venne quale signora nella sua camera lo tenne
   
Titolo: Ninna, nanna (2)
Ninna, nanna, ninna, nanna, centu tuccatine daje la mamma, e centu ne daje la zia, cu sse ccatta la masseria ninna, nanna, ninna, nanna, cento toccatine d la mamma e cento ne d la zia per comprare la masseria.
   
Titolo: Ninna nanna te la mamma
Quanta pena e fatia face na mamma, p criscire n fiju an gloria a Diu, a quattr'anni alla scola lu mannu, a diciottu a Napuli partu. A vintiquattru lu rivtte la mamma, ne disse: "benvintu, fiju mu", la nora ssittata mmenzu csa, "ci ca cunta cullu ninneddhru mu?". Citta staje la mamma sventurata ca la crisciutu comu le Diu, "Lassala scire, ddhra vecchia macra, ca ci t'aggiu pijatu, sinti sulu mu", Iddhru zzannu le spddhre: "vai e campa comu le Diu", Chingu lu latte te lu pettu mu ca p quantu sucva lu sngu me ssiu. Quanta pena e fatica fa una madre per crescere un figlio con tutti i sacrifici, a quattro anni lo mand a scuola a diciotto parti per Napoli, A ventiquattro lo rivide e gli disse: "bentornato figlio mio" la nuora che era seduta in casa: "chi sta parlando con il tesoruccio mio" Silenziosa stava la madre poverina, che lo ha cresciuto con i sacrifici. " Lasciala perdere quella vecchia megera che se ti ho preso, tu sei solo mio" Lui, alzando le spalle (rivolto alla madre) "vai e vivi facendo sacrifici", Piango il latte del mio seno che per tanto succhiare invece di latte usci sangue
   
Titolo: Bona sera e bonanotte,
Bona sera e bonanotte, e le fave nu su cotte, e li ciciri su squajati, bona sera, mesciu Pati; buona sera e buona notte e le fave non son cotte ed i ceci son stracotti buona sera maestro Pati.
   
Titolo: Bona sera signurina,
Bona sera signurina, pe lla fame se camina, ci me tai na fisellina, bona sera, signurina; buona sera signorina, per la fame si cammina se mi dai una frisellina buonasera signorina
   

123


Salentu.com ® è un marchio registrato - © 2001-2019 Tutti i diritti riservati • Partita IVA 04277210755
Direzione tecnica Nova Promotur sas TOUR OPERATOR e AGENZIA VIAGGI - Nr. REA LE-215079
Aut. Reg. n° 98 del 11.05.2005 - Dir. Tecnico: Gallo Antonella
Salentu.com
Progettazione e realizzazione: Focustek