Stornelli e canti popolari Salentini.

Le tradizioni nel salento - gli indovinelli, le filastrocche, gli stornelli e i canti tipici della pizzica e della tradizione popolare del Salento.
Preventivo online
Destinazione


Date soggiorno


Numero di persone



STORNELLI E CANTI POPOLARI SALENTINI

STORNELLO TRADUZIONE
Titolo: lu ceddhru quannu pizzica la fica
Ulia cu te lu dicu e nu mbulia, ulia cu te lu ntossicu ddhru core, e siccomu la mamma tua me face a spia, te dicu statte bna beddhra mia. Vorrei dirti e non vorrei, vorrei intossicarti quel cuore, e siccome tua madre mi spia ti dico arrivederci bella mia.
   
Titolo: ulia cu te lu dicu e nu mbulia
Brutta scapiddhrisciata, ieu t'aggiu amata p na fiata sula, e poi t'aggiu ncaddhrisciata, ca m' passata sta cagnaula. Mannaggia quannu nata ca va dicennu ca nu me ole cchiui tice pozza murire ca ieu me presciu quannu mori tu. - ci te ricordi quannu eri stria, culli capiddhri tutti scijati, quannu era tiempu ca ieu te ulia ca mo li tiempi su passati. - la prima fiata ca te ncuntrai, susu la chiesa ieu te vitia e ieu te tissi tamme na cosa tie me ticisti passa te casa. Brutta spettinata, io ti ho amata solo una volta, poi ti ha stancata perch passato questo desiderio. Mannaggia a quando nata, che va dicendo che non mi vuol pi, dice:"possa morire" ed io sar contento quando creperai tu! - Se ti ricordi quand'eri ragazza, con i capelli tutti spettinati quand'era il tempo che io ti volevo, ma quel tempo ora passato. - la prima volta che t'incontrai, ti vedevo sulle scale della chiesa ed io ti dissi "dammi una cosa" ti rispondesti: "passa da casa".
   
Titolo: nfacciate alla finescia
Nfacciate alla finescia te ddhra vanna, quannu te visciu e te ne trasi intra. Ecculu, lu viti? lu viti? sta se ne vene cullu visazze a ncoddhru e senza pane. Affacciati alla finestra da quell'altra parte, quando ti vedo e ti nascondi dentro. Eccolo, lo vedi? lo vedi? sta tornando con le bisaccie in collo e senza pane.
   
Titolo: te ricordi quan'eri villana
Te ricordi, quannu eri villana, scvi cujennu cicre e zangni, e moi ca tai fattu lu sicchiu te lana, te faci chiamare signura Madama. Ti ricordi quand'eri villana, andavi cogliendo verdura in campagna ora che ti sei fatta un secchio di lana ti fai chiamare signora Madama.
   
Titolo: lu rusciu te lu mare
Lu rusciu te lu mare quannu forte, la fija te lu Rre se ta la morte. Iddhra se ta alla morte e ieu alla vita, la fija te lu Rre sta s mmarita. Iddhra sta s mmarita e ieu me nzuru, la fija te lu Rre porta lu fiuru. Iddhra porta lu fiuru e ieu la parma, la fija te lu Rre sciuta a Spagna. Iddhra sciuta a Spagna e ieu nTurchia, la fija te lu Rre ete la sposa mia. Il rumore del mare quando forte la figlia del Re si d la morte. Lei si d alla morte ed io alla vita, la figlia del Re si sta sposando. Lei si sta sposandi e pure io, la figlia del Re porta il fiore. Lei porta il fiore ed io la palma, la figlia del Re andata in Spagna. Lei andata in Spagna ed io in Turchia, la figlia del Re la sposa mia.
   
Titolo: lu ciucciareddhru
Tinia nu ciucciareddhruca era na cosa finaca se mintia a rajareta sera alla matina.Lu raju ca facia, sembrava nu tenoreciucciu beddhru te stu corecomu te pozzu am.Ca quannu rajava facia io-iociucciu beddhru te stu corecomu te pozzu am.- quann' morta mujeramaieu me manciai u prosciuttu,quannu mortu lu ciucciume misi a lacrim.- Chiancitilu, chiancitilu, mortu u ciucciu meucuss a ulutu Diu,purtatilu a seppell. Avevo un asinello che era perfetto, ragliava dalla sera al mattinoIl raglio che faceva sembrava di un tenoreasino bello del mio cuore, come ti posso amarQuando ragliava faceva io-ioasino bello del mio cuore, come ti posso amar- Quan' morta mia moglie io mangia il prosciuttoora che morto l'asino mi son messo a piangere.- Piangetelo, piangetelo, morto l'asino miocos ha voluto Dio, portatelo a seppellir.
   
Titolo: ci hai Ntunietta mia
Ci hai Ntunietta mia ca mara staica te la ccattu ieu la veste novalarillalleru l. (ritornello)- E quannu scera all'altare p spusarelu vecchiu le cose sante nu lle sapadimmele tie Ntunietta mia- E quannu scera alli balli p ballarelu vecchiu li balli moterni nu lli sapazzumpa tie Ntunietta mia.- E quannu scera alla taula p manciarelu vecchiu le cose toste nu lle putacazzale tie Ntunietta mia.- E quannu scera allu lettu p curcarelu vecchiu la nchianata nu lla facazziccate mmie Ntunietta mia Cos'hai Antonietta mia che sei tristete la compro io la veste nuova, larillalleru l.- E quando andarono all'altare per sposareil vecchio le cose di chiesa non le conoscevadimmele tu Antonietta mia.- E quando andarono ai balli per ballareil vecchio i balli moderni non li conoscevasalta tu Antonietta mia.- E quando andarono al tavolo per mangiareil vecchio le cose dure non le masticavaschiacciale tu Antonietta mia.- E quando andarono al letto per coricarsiil vecchio non riusciva a salirci sopraattaccati a me Antonietta mia.
   

  123
Salentu.com ® è un marchio registrato - © 2001-2020 Tutti i diritti riservati • Partita IVA 03302380757
Direzione tecnica Nova Promotur sas TOUR OPERATOR e AGENZIA VIAGGI - Nr. REA LE-215079
Aut. Reg. n° 98 del 11.05.2005 - Dir. Tecnico: Gallo Antonella
Salentu.com
Progettazione e realizzazione: Focustek